ELEZIONI POLITICHE 2013, Le regole per candidarsi al parlamento con il MoVimento 5 stelle beppegrillo.it

 

Alle elezioni politiche nazionali, quando esse siano, Il MoVimento 5 Stelle si presenterà.

Le votazioni per decidere i nomi dei candidati avverranno sul portale del M5S. Chiunque disponga della cittadinanza italiana e sia iscritto regolarmente al M5S (avendo quindi inviato tutti i documenti necessari) potrà votare on line il proprio candidato.

Ogni iscritto al M5S incensurato, non iscritto ad alcun partito, che non ricopra al momento delle elezioni cariche elettive (ad esempio consigliere comunale o regionale) o non abbia esercitato due mandati, anche se interrotti, potrà candidarsi.

Ogni iscritto potrà votare un solo candidato. Di ogni candidato sarà pubblicato il curriculum, gli obiettivi e sarà associato un forum di discussione. Ogni eletto risponderà al Programma del M5S e alla propria coscienza, non a organi direttivi di qualunque tipo e non potrà entrare in un gruppo parlamentare formato da altri partiti.

Ogni eletto percepirà un massimo di 3.000 euro di stipendio, il resto dovrà versarlo al Tesoro, e rinunciare a ogni benefit parlamentare, iniziando dal vitalizio pensionistico. Dovrà firmare l’accettazione a queste condizioni nero su bianco, prima delle elezioni. I possibili eletti del M5S formeranno un Non-gruppo-parlamentare in cui ognuno conterà uno. Ci sarà un Non-portavoce, perché gli eletti si alterneranno nel ruolo. 

Ogni eletto si impegnerà a interagire quotidianamente attraverso la Rete per informare i cittadini e interagire con gli iscritti al M5S. La libertà di ogni candidato di potersi esprimere liberamente in Parlamento senza chiedere il permesso a nessun capo bastone sarà la sua vera forza.

Il M5S vuole che i cittadini si facciano Stato, non che si sostituiscano ai partiti con un altro partito.

via: Blog di Beppe Grillo – Comunicato politico numero quarantacinque.

28 pensieri su “ELEZIONI POLITICHE 2013, Le regole per candidarsi al parlamento con il MoVimento 5 stelle beppegrillo.it”

  1. Disponibile da subito alla candidatura al Parlamento Italiano alle prossime elezioni politiche del 2013.

    Dato che come lavoratore Vigile del Fuoco del Comando Provinciale di Napoli , dopo quasi vent’anni di anzianità di servizio nel corpo, con moglie e figli a carico percepisco di stipendio la metà del tetto max dei 3000 euro stabiliti dal M5S in caso di elezione in Parlamento, resta di sicuro uno stipendio giusto e dignitoso come rappresentante del popolo e per il popolo , quello stabilito dei 3000 euro mensili per i novelli deputati del M5S. Anche le restanti regole stabilite dal M5S nel rinunciare ai benefit parlamentari stabiliti, restano cosa buona e giusta.Rivoluzione dal basso, dimostrando concretamente che un modo diverso e onesto di gestire i beni comuni è possibile.Avanti tutta.

    Mi piace

  2. Avanti tutta, l’opinione di chiunque fonda in questo nuovo movimento rivoluzionario una forma innovativa e miracolosa della maggioranza dei cittadini italiani di esprimere la volontà’ di dissociarsi alla politica assurda di questi 60 e passa anni… Ma, quando e come tutto questo diventerà’ realtà’? non riusciremo mai a fare nulla con internet: quando questa voglia di rivoluzione si trasformerà’ finalmente nel DEFENESTRARE FISICAMENTE TUTTA STA GENTE CHE CAMPA DI VITA ETERNA? Basta con le parole! Altrimenti sarà’ solo far credere ai poveri ignoranti quali siamo di potersi affidare a “qualcosa” di nuovo come e’ sempre stato! e questo qualcosa prenderà’ potere e mangerà’ a nostro discapito come sempre!!! voglio i fatti, e saro’ solo allora in prima fila: ma solo se assisterò’ a qualcosa di veramente concreto come i calci nel culo e non certo ai referendum del cazzo!!!

    Mi piace

  3. Finalmente un’iniziativa veramente democratica! Mi chiamo Laura e da tempo mi chiedevo come mai in un sistema definito “Repubblica Democratica”, di democratico ormai ci fosse così poco. Basta riflettere un po’ per comprendere che siamo inesorabilmente nelle mani di persone nelle quali nessuno di noi si riconosce e dai nessuno si sente rappresentato, senza peraltro avere alternative valide. D’altra parte la politica nel nostro sistema è appannaggio esclusivo di pochi riciclati pronti a qualunque alleanza o “pateracchio” pur di mantenersi il posto il Parlamento con i relativi “privilegi”, senza fornire nessuna prospettiva di miglioramento alla situazione economica ed organizzativa del nostro paese. Nonostante il termine Democrazia, nessun cittadino ha realmente voce in capitolo né può esprimere la sua opinione se non nella conversazione ordinaria spicciola.
    Bene, a questo punto mi piacerebbe veramente sapere qual’è l’iter che devo seguire per proporre la mia candidature.
    Aspetto notizie

    Mi piace

  4. Salve, le vostre regole sono sacrosante, ma dovete firmare al candidato prima delle elezioni ,un contratto con una penale da pagare di circa 500.000 mila euro nel caso il candidato cambi partito o non rinunci alla parte dello stipendio che deve restituire al tesoro. Altrimenti gli eletti subito dopo aver messo il piede nel parlamento, potrebbero non adire al gruppo parlamentare del M5S e cambiare casacca per tenersi soldi e privilegi pensione. Tutto il resto sono chiacchiere molto belle ma solo chiacchiere. Senza un qualcosa di scritto il movimento M5S non potrebbe fare nulla al deputato eletto che decide di fare come gli pare perchè vi ricordo che in Italia il parlamentare “agisce senza vincolo di mandato” ed inoltre vige il “divieto di mandato imperativo” cioè il parlamentare non deve nulla a nessuno e tutto ciò che ha promesso non è tenuto a mantenerlo. Non pensiate di poter fare causa ad un deputato M5S che tradisca, non è pensabile. L’unica soluzione per “convincere” i deputati M5S a mantenere la parola data è appunto un contratto con tanto di eventuali firme di cambiali, in cui accettino una penale da circa 500mila euro, che è circa la cifra cui loro dovrebbero rinunciare abbassandosi lo stipendio. Pertanto con la presenza di tale penale, al deputato M5S non converrebbe fare il furbo perchè poi tutti i soldi che si prende in più di stipendio, dovrebbe poi darli al movimento a seguito dell’applicazione della penale da parte di un giudice.
    Cordiali Saluti a tutti
    Manuela BORROMEO
    PS
    sto pensando di candidarmi col M5S a Roma oppure di appoggiare persone oneste e soprattutto giovani !

    Mi piace

  5. quasi, quasi…l’idea di mio figlio che mi ringrazia per aver contribuito ad un miglioramento in Europa mi stimola moltissimo….e andrebbero bene anche 2500. …e di idee vista la situazione, non è difficile averne.

    Mi piace

  6. Ma perché non puntare alla istituzione di un Parlamento Popolare, in cui ogni Cittadino possa partecipare direttamente, alla votazione su argomenti di ordine generale, al di fuori di ogni formazione politica, e delegare il voto per l’elezione dei rappresentanti nei consigli comunali, provinciali, regionali, nazionali, internazionali con obolo volontario, al fine di eliminare il finanziamento pubblico, ma anche i partiti?
    I più votati entrano nella funzione e negli organismi di governo, evitando anche i premi di maggioranza e combinazioni pre-elettorali.

    Mi piace

  7. Una considerazione personale. Accetto l’dea dei 3.000 euro, però un eletto avrebbe bisogno di qualche soldo per una camera a Roma e per un pranzo. Detraendo dallo stipendio, la somma restante sarebbe oggetto di scherno da parte delle opposizioni che potrebbero anche definirci pezzenti. Sarebbe giusto allineare lo stipendio alla media nazionale dei dirigenti al netto delle spese per mantenere una famiglia e, principalmente, per servire il movimento con eventuali esborsi documentati.

    Mi piace

  8. A Pasquale Caterisano.
    Io propongo la cifra netta di 5000 euro che mi sembra giusta per lavorare con tranquillità.

    Mi piace

  9. Vorrei candidarmi al Parlamento per aiutare questa povera Italia squarciata da gente che merita la ghigliottina.
    Non cerco soldi ma vorrei dare un contributo per salvare quello che si può salvare dallo sfacelo.
    Mi chiamo Rosa Ciaccio e sono un’ insegnante di scuola media. insegno dal 1976.
    Il mio indi rizzo

    Mi piace

  10. Mi chiamo Rosa Ciaccio e vorrei candidarmi al parlamento.
    Non voglio un alto stipendio visto che sono una insegnante. Vorrei solo poter fare qualcosa per questa Italia squarciata da gente di merda.
    Vivo In Fondo Petrigni 17 – 9003 – Altofonte (PA).
    Se volete contattarmi il mio cellulare é 3934460102.
    GRAZIE

    Mi piace

  11. Un saluto a tutti.
    Seguo la politica televisiva da 25 anni (ora ne ho 39) e mi pare che ci sia della confusione riguardo a molti punti. Esaminiamone un paio.
    1) STIPENDIO. Lo stipendio del parlamentare era stato introdotto alto dai nostri padri costituenti principalmente per evitare una “debolezza” rispetto alla possibile corruzione e secondariamente per attirare l’ingresso di categorie professionali di pregio (per es. avvocati, commerciaiisti, medici), sempre utili per affrontare temi sociali. Sotto questo profilo, se lo stipendio attuale è alto e sarebbe giusto ridurlo, quello proposto dei 3000 è ridicolo, soprattutto alla luce dei trasferimenti settimanali e del soggiorno fuori sede a Roma. Penso che una riduzione del 10% sarebbe congrua. Ricordiamoci inoltre che un parlamentare lavora (o meglio, dovrebbe lavorare) 14 ore al giorno, 6 giorni a settimana. Lo stipendio elevato del parlamentare, a fronte di una sua resa lavorativa efficiente, è il motore dell’evoluzione di tutta la società. Sarebbero soldi ben spesi, purchè il candidato sia lungimirante e attento al bene dei cittadini.,
    2) PROGRAMMA. Questo è un partito in divenire, perciò molte modifiche dovranno forzatamente essere adottate via via. Candidati voltagabbana ci saranno sempre, è impossibile evitarlo, ma il sistema dirigente (anche se attualmente inesistente, dovrà esserci in futuro) dovrà coordinare un indirizzo di movimento per dare coesione di marcia politica.
    ==> Max Senior

    Mi piace

  12. Concordo sulla considerazione in merito allo stipendio che potrebbe essere ridotto, ma non fino ai 3000 come da me già accennato in data 15/10 che comporta seri problemi di vario genere, come le beffe della parte della maligna della opinione pubblica ed un appiglio denigratorio della avvelenata opposizione che non aspetta altro che considerarci gentarella sotto ogni aspetto.

    Mi piace

  13. Sono anche io del parere che 3000,00 euro siano dignitosi più i rimborsi spesa (controllati), come nella classe dirigente di tutte le imprese private. comunque credo che per le prossime elezioni politiche il mio vota verrà dato a chi nel suo programma inserirà il controllo delle BANCHE che oggi sono il vero blocco allo sviluppo economico e alla ripresa del PIL e del lavoro. Tassi agevolati e soprattutto sblocco ai prestiti e mutui possono rivitalizzare un economia che sta agonizzando.
    Questi, sono i miei propositi in caso di candidatura, e, sarò un fervido sostenitore di chi sposa quanto detto…… Utopia!!!!!! sognatore!!!!!! a volte i sogni si realizzano

    Mi piace

  14. SONO ANCORA DI PIU’ CONVINTA CHE IN ITALIA OCCORRA TANTA PULIZIA,CORAGGIO DI CAMBIARE POLITICA, UOMINI,CAMBIARE IL SISTEMA. I POLITICI ATTUALI, HANNO SACCHEGGIATO L’ITALIA,COME DEI VANDALI,
    CREDO CHE SE SI ADOTTASSE IL SISTEMA DI SCARICARE QUALSIASI SPESA FATTA DAI CITTADINI,SIA LA STRADA MAESTRA PER ABBATTERE IN PARTE IL DEFICIT NAZIONALE,TASSARE I PATRIMONI ITALIANI E QUELLI ESTERI,CON DELLE INTESE INTERNAZIONALI,INTRODURRE LA PATRIMONIALE IN MODO DA FAR PAGARE CHI PIU’ HA,ABOLIRE LE PENSIONI DEI POLITICI E MANAGER CHE HANNO OTTENUTO IL MASSIMO PER AVERE VERSATO POCHI CONTRIBUTI,ELIMINARE 2,3,PENSIONI OTTENUTE CON I MANDATI BREVISSIMI,SONO UN’INSEGNANTE IN PENSIONE ,E UTILIZZARE IL MIO TEMPO PER IL MOVIMENTO E’ INTERESSANTE MI PIACE METTERMI IN GIOCO,MI PIACCIONO LE SFIDE,DIMENTICAVO LA CHIESA PAGHI L’IMU DIA IL BUON ESSEMPIO,ANDIAMO A PARLARE DELLE BANCHE?DEVONO CONCORRERE A PAGARE IL DEBITO PRODOTTO E CAUSATO DA ESSE STESSE,ED INOLTRE CHE PAGHINO ANCHE LORO L’IMU

    Mi piace

  15. penso che si dovrebbe cambiare tutti i vecchi candidati, visto come siamo conciati , i politici che abbiamo ora vivono bene , mentre il popolo sta andando alla fame , al popolo annno tolto tutto , per risanare un’ italia che il governo a mandato in malora , hanno rubato continuano a vivere bene prendere un gran stipendio . Sono anni che parlano e quando ci sono le votazioni promettono , poi fanno niente, i giovani sono senza lavoro , pero se si a una racccomandazione ………..mia figlia a 26 anni lavora solo in estate e ancora come apprendista , io sono divorziata non mi danno un lavoro ,mia figlia la disoccupazione non la prende essendo appprendista a 26 anni a me lavoro no visto che dicono che sono vecchia , qesti e tanti altri problemi , in conclusione,siamo…………………..ora vi saluto

    Mi piace

  16. Il Movimento Cinque Stelle deve essere una medicina per risanare gli enormi guasti che appestano la nostra Italia, un antidoto contro tutti i veleni che sono stati inoculati nella società da una classe politica che NON DEVE PIU’ ESISTERE, DEVE SCOMPARIRE PER SEMPRE DALLA FACCIA DELLA TERRA !

    Mi piace

  17. CONTRIBUTO ELETTORALE DEL PROF. VITO REINA PER BEPPE GRILLO “PRESIDENTE DEGLI ITALIANI.

    MARSALESI, SICILIANI, IALIANI,AI PARTITI NAZIONALI ABBIAMO PAGATO UN TRIBUTO TROPPO ALTO.
    ADESSO, VOGLIAMO FARCI VALERE, VOGLIAMO CONQUISTARE QUANTO CI
    SPETTA, QUANTO CI E’ STATO NEGATO, QUANTO CI E’ STATO SCIPPATO, QUANTO
    CI APPARTIENE DA SEMPRE.
    FINO AD ADESSO, IL GOVERNO CENTRALE E’ STATO MOLTO BRAVO A METTERCI
    L’UNO CONTRO L’ALTRO, A DIVIDERCI IN SCHIERAMENTI POLITICI DI CUI AGLI
    ITALIANI NON IMPORTA PIU’ NIENTE.
    IL MODELLO CENTRALISTA, NON TOLLERA I MOVIMENTI.
    SAPETE PERCHE ?
    PERCHE’ ESSI ROMPEREBBERO L’EQUILLIBRIO E LA STABILITA’ DEL POTERE
    POLITICO DEL GOVERNO CENTRALE, METTENDOLO COSI’ IN CONDIZIONI DI NON
    SUCCHIARCI PIU’ IL SANGUE!!!
    BASTA CON L’ITALIA CISTERNA DI VOTI PER IL GOVERNO CENTRALE !!!
    BASTA CON LA SICILIA CISTERNA DI VOTI PER IL GOVERNO CENTRALE !!!
    BASTA CON L’ITALIA E LA SICILIA ED ALTRE REGIONI ABBANDONATE A SE STESSE
    BASTA!!! CON L’ITALIA E LA SICILIA SCHIAVA DEI PADRONI, BASTA ORA BASTA!!!
    VOGLIAMO VIVERE CON LE NOSTRE CAPACITA’.
    VOGLIAMO DIRE “SONO ORGOGLIOSO DI ESSERE SICILIANO”.
    PER VINCERE QUESTA BATTAGLIA NON CI MANCA NIENTE, ABBIAMO TUTTE LE
    RISORSE NECESSARIE, DOBBIAMO SOLO SVILUPPARLE, MIGLIORARLE E
    POTENZIARLE.
    VOGLIAMO FARE IL PONTE, VOGLIAMO AMPLIARE I NOSTRI PORTI ED AEROPORTI
    GIA’ ESISTENTI E FARNE DI NUOVI.
    VOGLIAMO AMPLIARE L’OFFERTA TURISTICA, VOGLIAMO INCREMENTARE
    L’AGRICOLTURA E L’INDUSTRIA, VOGLIAMO RENDERE FRUIBILI I NOSTRI SITI
    ARCHEOLOGICI.
    SOLO COSI’ SAREMO PADRONI DI NOI STESSI E SOLO COSI’ AVREMO UNA FORTE
    IMPORTANZA STRATEGICA NEL MERCATO DEL MEDITERRANEO, IN CUI LA SICILIA
    E’ GIA’ UNA CANDIDATA VINCENTE, SIA PER LA SUA POSIZIONE GEOGRAFICA CHE
    STRATEGICA .
    SVEGLIAMOCI DAL LETARGO A CUI IL GOVERNO NAZIONALE CI HA ABITUATO
    ED A CUI PURTROPPO CI SIAMO ASSOPITI, ANCHE A CAUSA DELLE MILLENARIE
    E SOFFERTE DOMINAZIONI CHE PERO’ CI HANNO LASCIATO INTELLIGENZA,
    CAPACITA’ E SAGGEZZA, DOTI CHE ADESSO NEI NOSTRI FIGLI SONO DIVENUTE
    VIRTU’ INNATE .
    NON CHINIAMO PIU’ IL CAPO A NESSUNO, LO ABBIAMO FATTO PER TROPPO
    TEMPO.
    ABBIAMO LA FORZA D’ANIMO E LO SLANCIO PER FARLO, PERCHE’ SOLO CHI
    HA SOFFERTO, POSSIEDE L’IMPULSO E L’ENERGIA PER USCIRE DA POSIZIONI DI
    PERICOLO ED IL PERICOLO ADESSO E’ ALLE PORTE.
    IO VOGLIO USCIRE DA QUESTO PERICOLO, PER ME, PER I MIEI FIGLI, PER I VOSTRI
    FIGLI, PER IL NOSTRO ORGOGLIO DI ITALIANI E SICILANI FORTI E DETERMINATI.
    OGGI, ABBIAMO QUESTA POSSIBILITA’ PER REALIZZARE CIO’ CHE VOGLIAMO E
    QUESTA POSSIBILITA’, SI CHIAMA “MOVIMENTO 5 STELLE”.

    DIAMO L’OCCASIONE AI NOSTRI FIGLI E NIPOTI DI NON LASCIARE QUESTA
    NOSTRA TERRA, TANTO SPLENDIDA QUANTO ARIDA DI LAVORO, DIAMO LORO LA
    POSSIBILITA’ DI RIMANERE CON DIGNITA’ NEL LORO LUOGO D’ORIGINE CON I
    LORO AFFETTI E LE LORO TRADIZIONI.
    ALLORA, NON DISPERDIAMO IL NOSTRO VOTO ,SCEGLIAMO TUTTI COMPATTI,
    ”MOVIMENTO 5 STELLE”, OGGI INSIEME SCEGLIEREMO IL NOSTRO FUTURO!!!
    NELLE NOSTRE VENE, SCORRE IL SANGUE DEI NOSTRI AVI, CHE SI SONO SACRIFICATI PER NON ESSERE SCHIAVI DEI PADRONI DI ALLORA E PER NON
    ESSERE I LORO FIGLI E NIPOTI SCHIAVI DEI PADRONI DI OGGI .
    “STIAMO PER RIVIVERE UN MOMENTO STORICO”.
    RIPARTIAMO DA MARSALA CON “BEPPE GRILLO” PRESIDENTE .
    ABBIAMO UN APPUNTAMENTO CON LA STORIA, LO VOGLIAMO NOI, LO
    VOGLIONO I NOSTRI FIGLI, CHE AVRANNO L’ORGOGLIO DI DIRE CON PEPPE GRILLO, C’ERA PURE MIO PADRE .
    VIVA BEPPE GRILLO P R E S I D E N T E” DEGLI TALIANI .
    .

    Marsala li ,15.12.2012

    Mi piace

  18. In Italia ed in tutta la Sicilia, la presenza del Movimemto 5 STELLE forza politica e democratica, portera’nuova linfa per affrontare e risolvere i tanti problemi che ancora oggi affliggono questo nostra amata terra.
    Questa forza politica da oggi c’e’ e niente e nessuno ci limiterà ad intraprendere quanto in Italia è diventato necessario e prioritario affrontare.
    Siamo pronti ad accogliere fra le nostre fila quanti si sentono insultati dal modo di fare politica dalle attuali
    forze di Governo, che in maniera molto abile hanno raggirato e plagiato con tante belle e contorte promesse, coloro che poi alla fine sono risultati essere i loro elettori.
    Cari amici, ci corre l’obbligo attivarci affinché, l’attuale Governo, non sia più messo in grado di
    nuocere come purtroppo ha fatto ed attuato fino ad oggi.
    Vi elenco alcune fra le tante motivazioni :

    L’attività’ legislativa nel campo economico ed in quello fiscale è stata caratterizzata da una vera e propria
    alluvione di decreti legge che si sono susseguiti introducendo correzioni su correzioni, proroghe su
    proroghe di cui non c’è memoria nella storia repubblicana.
    E’ venuta meno la certezza della norma e ci si è trovati di fronte a norme riscritte persino per piu’
    di sei volte, introducendo insicurezza ed instabilità nel sistema.
    Uno dei fattori del declino del nostro sistema produttivo è certamente dovuto alla impossibilità per
    un operatore di potere programmare un investimento di fronte alla farraginosità delle disposizioni fiscali.
    E’ un pericoloso ritorno indietro della legislazione fiscale. Ci troviamo di fronte ad un numero di leggi,
    regolamenti, circolari e decreti. Le leggi in due anni hanno superato per numero e per contenuti tutto ciò
    che era stato prodotto e non era poco nel corso di tutti gli anni novanta!
    Tutto ciò e’ il rigurgito di una visione autoritaria , sprezzante e centralizzatrice della classe dominante.
    Al momento stiamo vivendo un processo di declino economico,che deve essere individuato nell’ aumento dei prezzi superiore a quello dei salari; in una riduzione degli stessi salari; di una crisi fiscale con un aumento, come gia’ detto delle tasse ed imposte ben al di là del valore dei servizi pubblici forniti. In tutti questi casi il risultato e’ l’impoverimento della popolazione,specialmente quella dei nostri picciotti con particolare riferimento alle categorie piu’ deboli lavoratori dipendenti e pensionati, che subiscono un taglio secco del potere d’acquisto.
    Il problema piu’ rilevante a breve termine, è tuttavia il disagio sociale che questa inquietante situazione
    economica ha creato un DISAGIO che rischia di esplodere in modo incontrollabile.
    Oggi la situazione è tale che il recupero dei livelli di tenore di vita di soli alcuni anni fa richiederebbe
    un aumento dei salari non inferiore al 20% , infatti il ceto medio non solo ha registrato un calo della
    retribuzione, ma ha subito una perdita del potere d’acquisto degli stipendi non del 5,% circa
    nel biennio,come rilevato dall’Istat ma del 16 % come rilevato dall’Eurispes.
    Se non si avviano a soluzione i nodi strutturali della nostra economia, se non aumenta la produttività del
    sistema, non sara’ possibile, ne’ la crescita economica ne’ evitare il progressivo impoverimento di parti
    rilevanti della popolazione. Continuando così ci sono buone possibilta’ che il paese possa arrivare
    ad una situazione di tipo argentino, dove soltanto il caos e l’illegalità’ prospereranno, ma soltanto a
    danno delle classi piu’ povere.
    La politica dei redditi deve cambiare e deve essere sostenuta da una politica fiscale consapevole
    e seria, concentrando eventuali risorse disponibili a sostegno dei redditi piu’ bassi , capovolgendo così
    la riforma fiscale e concentrando gli sgravi fiscali sui contribuenti piu’poveri .
    L’impegno del MOVIMENTO 5 STELLE pertanto deve essere realizzato non lottando in maniera segmentaria ma totale e congiunta e travolgere alle prossime elezioni questi vecchi partiti che hanno riportato indietro il nostro paese , sia dal punto di vista sociale che democratico.
    Ed è per potere partecipare attivamente a questa lotta comune e moralmente obbligatoria da perseguire,
    a difesa di quanto i nostri Padri sono riusciti ad ottenere con grandi sacrifici e lotte sindacali, che
    adesso sono qui’con il Movimento 5 STELLE con “PRESIDENTE BEPPE GRILLO” e potere così raggiungere l’obiettivo comune di ristabilire e risanare quanto altri ad oggi sono riusciti a demolire,cioè 100 anni di lotte democratiche.
    Diamo l’occasione ai nostri figli e nipoti di non lasciare questa nostra terra, tanto splendida quanto arida
    di lavoro, diamo loro la possibilità di rimanere con dignità nel loro luogo d’origine con i loro affetti.
    Nelle nostre vene, scorre il sangue dei nostri avi, che si sono sacrificati per non essere schiavi dei padroni
    di allora e per non essere i loro figli e nipoti sottomessi agli arroganti padroni di oggi.
    A questa nostra terra non mancano certo mezzi e risorse per un grande sviluppo.
    Stiamo per rivivere un momento magico e storico. Partiamo da Marsala con Beppe Grillo.
    Abbiamo un appuntamento con la storia, lo vogliamo noi, lo vogliono i nostri figli che avranno l’orgoglio di dire con Beppe Grillo c’era mio padre.

    VITO REINA

    Mi piace

  19. Io lo faccio gratis, basta che mi rimborsiate le spese di viaggio, vitto e alloggio, ovviamente nel caso fossero necessarie, anzi meglio ancora, basta che mi diciate dove andare a dormire, dove andare a mangiare e dove ritirare il biglietto del mezzo di trasporto che verrà ritenuto opportuno !!!

    Mi piace

  20. Ciao volevo sapere come posso fare per candidarmi con il movimento 5 stelle nel mio comune di appartenenza sono stanco dei soprusi di questa vecchia guardia e vorrei avere la possibilità di mostrare il mio pensiero per provare a ridare fiducia a gente che la sta perdendo e in primis i miei figli. Aspetto al più presto una vostra risposta e intanto vi faccio i miei più cordiali saluti.
    Massimiliano metalli
    Info3932945947

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...