LA FANTAECONOMIA PER GONZI

Ci sono molti furbi pseudo economisti, che in un momento come quello che stiamo vivendo, danno le loro ricette anticrisi al limite del ridicolo.

Sono i FANTAECONOMISTI.

Supportati dall’orda crescente dei social network, sono buoni per ogni stagione e per ogni problema; il rimedio? sempre il solito, il complottismo “anti” qualcosa, che sia l’Euro o la Bce o il MES, per loro tutto è riconducibile al signoraggio, al NWO, al Bilderberg.

Qual’è la loro ricetta? inveire contro fantomatici mulini a vento a nome “banche” a nome “debito pubblico” con i seguenti strumenti: “islanda”, “sovranità” e “uscire dall’euro non pagando il debito”. Ignorando ovviamente le conseguenze delle quali non hanno minimamente idea mancando di basi minime per poter discernere seriamente di tali argomenti per i quali bisognerebbe aver studiato o come minimo essersi informati.

Il complottismo sui generis non da informazioni ne cultura macroeconomica, serve ad alcuni furbi per accaparrarsi il consenso dei semplici.

La partita di giro che si viene a creare fra spesa pubblica fuori controllo, debito e tasse per soddisfare spesa e interessi sul debito è un circuito semplicissimo e purtroppo sconosciuto o nascosto da coloro che sono in malafede o ignoranti di tali argomenti.

‎250 mila persone direttamente e cinque milioni indirettamente vivono di spesa pubblica finanziata a debito, sono i boiardi di stato ed i burocrati. Chi non comprende queste semplicissime cose, o è in malafede o è un ignorante.

Con una pressione fiscale reale superiore al 60%, che serve per mantenere spesa pubblica in eccesso, sprechi e a pagare interessi composti sul debito, non si va piu da nessuna parte, questo deve essere chiaro a tutti, complottisti e non.

Bisogna abbassare le tasse per far ripartire l’economia e questo lo si puo fare solo tagliando gli sprechi e riducendo gli interessi sul debito.

Come arrivi a questa equazione? spending review VERA senza intaccare lo stato sociale e abbattimento coatto del debito.

Una cosa è proporre ricette prese in prestito da cialtroni, altra cosa è la serietà senza affamare la gente, la coerenza per far ripartire l’economia, il taglio agli sprechi pubblici e l’abbassamento delle tasse per fornire maggiore liquidità in busta paga ai dipendenti e dare maggiori risorse alle famiglia.

Tutti bravi a prendersela con un ipotetico cattivo di turno, senza guardare la trave che abbiamo negli occhi come paese, cosa della quale la maggioranza degli italioti è collusa e colpevole. I Fantaeconomisti in primis.

Pasquale Caterisano

10 pensieri su “LA FANTAECONOMIA PER GONZI”

  1. Infatti, Se il debito pubblico non lo paghi come ha fatto l’Argentina, appena cercherai di rifinaziarti pagherai interessi molto maggiori perchè sei percepito come inaffidabile come qualunque debitore privato insolvente….Il debito pubblico è cresciuto nell’ordine di 100 miliardi l’anno coi governi Berlusconi dopo il 2000, sfiorando i duemila miliardi di Euro e il 120% del rapporto sul debito…ora il rapporto sul debito è al 126%, ma solo perchè il PIL è calato (più del 2%) con la cura Monti che ha dato un freno alla spesa pubblica, ma quello che importa realmente è che la massa del debito è ancora sotto i 2000 miliardi e che gli interessi che si pagano sulle quote di debito da rinnovare sono 4 punti % inferiori a prima….vi immaginate cosa sarebbe successo se nel lungo periodo avessimo dovuto pagare il 7.5% di interessi l’anno su 2000 miliardi? sono 150Miliardi l’anno ,,,2.500 euro di tasse per ogni italiano (vecchi e bambini compresi) solo per pagare gli interessi degli speculatori (dicesi di detentori del debito senza alcuna accezione negativa)..3 volte lla bolletta energetica che ci tocca pagare ogni anno per la nosrta dipendenza dalle fonti energetiche fossili come il Gas e il petrolio…

    Mi piace

  2. I primi vengono corroborati e finanziati direttamente dallo stato in prima persona, i secondi fanno parte della torta come dipendenti e complici di apparati che vivono a loro volta di sussidi.

    Esempio, i primi sono i baby pensionati ed i secondi i dipendenti dei famosi “enti inutili” pubblici e parapubblici che senza i finanziamenti statali creperebbero subito. Ecco la differenza.

    Mi piace

  3. vi piace buttare tutto nel calderone del ‘complottismo’ vero? E se foste proprio voi i dissennatori di povere menti che di certi argomenti non capiscono niente. Un esempio? nomini il Bildergberg, informati ignorante, perche’ ci sono libri e personaggi di tutto rispetto che ne riconoscono l’importanza in questi temi. E’ esattamente come venti anni fa, quando qualcuno vi avvertiva che dietro Berlusconi c’era la P2 e tutti rispondevano con lo stesso tono di questo articolo ridicolo “se vabbe’, babbo natale e gli alieni”…

    su Mes, euro e Bce c’e’ in piadi una discussione decennale e quando il fallimento euro sara’ palese ai piu’ i poveri come voi, che rispondono all’euro e all’economia come una nuova religione, un nuovo dogma da seguire ciecamente, dovranno andarsi a nascondere. preso, molto presto. Odio Grillo, ma su una cosa ha ragione, la rete ha memoria.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...