Le truppe pontificie all’assalto della laicità

In Spagna e Francia è forte e orgogliosa la risposta dei laici. In Italia invece cresce la voglia di un Papa Re che governi direttamente il Paese e instauri una teocrazia come quella dominante in Iran. I catto-talibani sparsi nei vari partiti rispondono all’ appello dei catto-ayatollah (i vescovi della CEI) e forti di quell’ appoggio si preparano a far incetta di posti privilegiati nelle liste dei vari partiti vaticaliani. Porte aperte, anzi sfondate per loro nel Popolo della Libertà vigilata dal Vaticano; nessun problema nell’ UDC, Rosa Bianca e Udeur, sono cattolici integralisti fin dal programma direttamente mutuato dalla dottrina sociale della chiesa catolica. E sono cattolicissimi nel nome di Cristo Re sia i separatisti della Vandea padana (il futuro Kossovo italiano) che i clericalissimi esponenti de la Destra e di Forza Nuova. Ma nel PD-Partitus Dei gli esponenti dell’ integralismo cattolico approfittano dell’ingresso dei radicali per alzare la posta dei posti sicuri in lista. Ed eccoli lì, i furbissimi adepti dell’ Opus Dei, di Comunione e Liberazione, dell’ Azione Cattolica in gara a chi sputa più veleno contro la Bonino e i radicali. Più sputano, insultano e umiliano e più aumentano i posti sicuri che possono strappare a Veltroni.

Fonte: http://www.nogod.it

2 pensieri su “Le truppe pontificie all’assalto della laicità”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...