Il PRI di Ravenna: “No al Popolo della Libertà”

Si è svolta giovedì 20 marzo presso la Sezione IX Febbraio di Gambellara, l’assemblea dei rappresentanti delle Sezioni del PRI della Provincia di Ravenna. Alla manifestazione hanno partecipato circa cento amici in rappresentanza degli oltre cinquanta circoli repubblicani; dopo la relazione introduttiva del Segretario Provinciale Fabio Bocchini, si è sviluppato un dibattito che ha visto numerosi interventi, fra cui quello della Federazione Giovanile Repubblicana; le conclusioni sono state tratte dal Segretario dell’Unione Comunale, Paolo Gambi. Al termine della discussione sono stati presentati due documenti: quello approvato dalle Direzioni Comunale e Provinciale e uno presentato dall’amico Cimatti che invita all’astensionismo motivato in contrapposizione alle attuali forze politiche.

Documento approvato dalle Direzioni Provinciale e U.C. di Ravenna e dall’Assemblea dei Rappresentanti dei Circoli del P.R.I. della Provincia di Ravenna

L’Assemblea dei Rappresentanti dei Circoli del P.R.I. della Provincia di Ravenna, riunita per esaminare la situazione politica in vista delle elezioni del 13-14 aprile, udita la relazione del Segretario Provinciale l’approva.

I Repubblicani di Ravenna avevano chiesto alla Segreteria Nazionale un atto di coraggio e di orgoglio presentandosi, alla consultazione elettorale, autonomamente da entrambi gli schieramenti e con il proprio simbolo, ricercando alleanze solo con altre forze laiche e riformatrici.

Ciò non è stato possibile: l’essere presenti in Parlamento ha prevalso rispetto ad una visione di più lungo respiro.

Alla luce di tutto questo, i Repubblicani di Ravenna esprimono la loro più netta contrarietà alla scelta di collocare il PRI all’interno delle liste del “Popolo della Libertà”, aggregazione politica di destra e lontanissima quindi dalla cultura politica e dai valori dei Repubblicani ed in particolare dei Repubblicani di Romagna.

Per queste ragioni, l’Assemblea dichiara che, non sarà disponibile ad esprimere né una parola né un gesto né un voto a favore della destra e delle liste del “Popolo della Libertà”; in quest’ottica, perdurando l’assenza del tradizionale simbolo dell’Edera, lascia al libero convincimento degli iscritti e dei simpatizzanti, la scelta circa il voto da esprimere.

L’Assemblea, infine, ritiene necessario ricercare, da subito, in Romagna e nel resto della regione, tutte quelle convergenze politiche e di intenti che consentano di rilanciare, in modo autonomo e protagonista, l’etica, i valori e l’organizzazione di una forza autenticamente repubblicana e laica.

Il documento votato a tarda notte ha avuto 64 voti, contro gli 8 andati all’altra mozione e 4 astensioni.

Invitiamo tutti gli iscritti, i simpatizzanti, coloro che almeno una volta hanno votato o inteso il PRI come un Partito della Sinistra Democratica, Riformista e Liberale italiana ad inviare una mail, un sostegno, un messaggio, un commento al documento dei Repubblicani di Ravenna all’indirizzo pri.ravenna@libero.it

Tratto dal sito: www.pri-ravenna.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...