Prostituzione a Reggio Calabria tra i clienti anche un sacerdote

Anche un prete della provincia reggina tra i clienti dei due bar a luci rosse. Tre uomini sono finiti in manette per sfruttamento della prostituzione.

Si tratta di Giuseppe e Giovanni Tutino, di 48 e 41 anni, e Leonardo Sciarrone, di 45, titolari di due esercizi a Gioia Tauro e a Varapodio dove ufficialmente lavoravano le ragazze, tutte provenienti dall’Est europeo e fatte giungere nel nostro Paese in via clandestina. Durante l’attività di copertura le vittime dovevano allontanarsi di continuo per soddisfare le esigenze dei clienti.

Uno dei tre gestori aveva il compito di accertare che le donne facessero al caso loro, sottoponendole spesso a verifiche come età, altezza, corporatura. Gli uomini volevano essere sicuri di non doversi accollare inutilmente le spese del viaggio e al tempo stesso massimizzare il ricavo economico proveniente dallo sfruttamento della prostituzione.

I carabinieri hanno scoperto che tra i frequentatori più assidui dei bar a luci c’era anche un sacerdote della provincia di Reggio Calabria.


(Repubblica.it)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...