L’invasione dei ragni giganti

Allerta in Germania, Austria e Svizzera

Sono neri, sono grandi quasi 20 centimetri e si spostano in orde: un’invasione senza precedenti di ragni è in atto in questi giorni in Austria, in Germania e in Svizzera, riportano gli organi di stampa. Sbalorditi anche gli esperti di aracnidi: a quanto sembra, nessuno sa da dove siano arrivati – e gli animaletti diventano sempre più numerosi. Cattive notizie per chi soffre di aracnofobia, scrive Der Spiegel, che racconta in un lungo articolo la curiosa «occupazione» di ragni opilionidi. «I Paesi Bassi e la Germania sono già stati invasi. In questo momento loro presenza si è moltiplicata anche in Svizzera e in Austria», scrive il settimanale sul suo sito. Si intravedono sui muri di casa e sulle pareti. Questi animali hanno otto lunghe ed esili zampe che raggiungono anche i 18 centimetri. Alla loro vista molti cittadini si spaventano, altri invece provano disgusto. Tuttavia, non sono pericolosi e si dileguano appena ci si avvicina a loro.


<!–
OAS_AD(‘Bottom1’);
//–>

<!–

// * variabili flash da modificare * //

file_swfBottom1 = “banner_180x150.swf”; // nome file swf da caricare

widthBottom1 = 180; // larghezza immagine
heightBottom1 = 150; // altezza immagine

// * fine parte modificabile * //

if(!document.body)
document.write(“<html><body>”);
OASd = document;
var plug = false;
var flashVersion = -1;
var minFlashVersion = 6;
if(navigator.plugins != null && navigator.plugins.length > 0){flashVersion =(navigator.plugins[“Shockwave Flash 2.0”] || navigator.plugins[“Shockwave Flash”]) ? navigator.plugins[“Shockwave Flash” +(navigator.plugins[“Shockwave Flash 2.0″] ? ” 2.0″ : “”)].description.split(” “)[2].split(“.”)[0] : -1;
plug = flashVersion >= minFlashVersion;}
else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf(“webtv/2.6”) != -1){flashVersion = 4;plug = flashVersion >= minFlashVersion;}
else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf(“webtv/2.5”) != -1){flashVersion = 3;plug = flashVersion >= minFlashVersion;}
else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf(“webtv”) != -1){flashVersion = 2;plug = flashVersion >= minFlashVersion;}
else if((navigator.appVersion.indexOf(“MSIE”) != -1) &&(navigator.appVersion.toLowerCase().indexOf(“win”) != -1) &&(navigator.userAgent.indexOf(“Opera”) == -1)){var oasobj;
var exc;
try{oasobj = new ActiveXObject(“ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.7”);
flashVersion = oasobj.GetVariable(“$version”);} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject(“ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.6”);
version = “WIN 6,0,21,0”;
oasobj.AllowScriptAccess = “always”;
flashVersion = oasobj.GetVariable(“$version”);} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject(“ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.3”);
flashVersion = oasobj.GetVariable(“$version”);} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject(“ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.3”);
flashVersion = “WIN 3,0,18,0”;} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject(“ShockwaveFlash.ShockwaveFlash”);
flashVersion = “WIN 2,0,0,11″;} catch(exc){flashVersion = -1;}}}}}
plug =(flashVersion != -1)? flashVersion.split(” “)[1].split(“,”)[0] >= minFlashVersion : false;}

if(plug)
{
document.write(“<div id=\”FinContentBottom11\”></div>”);
function loadFlashBottom11(){
if(navigator.userAgent.indexOf(“MSIE”) != -1 && navigator.userAgent.indexOf(“Opera”) == -1){

if (extFlashBottom11.readyState == “complete”)
{
FlashObject(“http://a248.e.akamai.net/6/592/1130/1210767840/oas.rcsadv.it/0/RCS/RIEMPIT04_COR_GRPP_RCT_150508//”+file_swfBottom1+&#8221;?clickTAG=http://oas.rcsadv.it/5c/corriere.it/pp/cronache/1177176878/Bottom1/RCS/RIEMPIT04_COR_GRPP_RCT_150508/banner_180x150.swf.html/35323534363637363436613238316330?kw1=value1&kw2=value2″, “OAS_AD_Bottom1”, “width=”+widthBottom1+” height=”+heightBottom1, “”, “clsid:D27CDB6E-AE6D-11cf-96B8-444553540000″ ,”6”, “FinContentBottom11”);
extFlashBottom11.onreadystatechange = “”;
}

extFlashBottom11.onreadystatechange = loadFlashBottom11;
}
else
{
OASfp=” Menu=FALSE swModifyReport=TRUE width=” +widthBottom1 + “height=”+heightBottom1;
OASd.write(“<object id=\”techsource_Bottom1\” classid=\”clsid:D27CDB6E-AE6D-11cf-96B8-444553540000\” codebase=\”http://download.macromedia.com/pub/shockwave/cabs/flash/swflash.cab#version=3,0,0,0\””+OASfp+”>”);
OASd.write(“<param name=src value=\”http://a248.e.akamai.net/6/592/1130/1210767840/oas.rcsadv.it/0/RCS/RIEMPIT04_COR_GRPP_RCT_150508//”+file_swfBottom1+&#8221;\”><param name=quality value=autohigh><param name=loop value=true><param name=play value=true><param name=menu value=false><param name=wmode><param name=FlashVars value=\”clickTAG=http://oas.rcsadv.it/5c/corriere.it/pp/cronache/1177176878/Bottom1/RCS/RIEMPIT04_COR_GRPP_RCT_150508/banner_180x150.swf.html/35323534363637363436613238316330?kw1=value1&kw2=value2\”>”);
OASd.write(“<embed src=\”http://a248.e.akamai.net/6/592/1130/1210767840/oas.rcsadv.it/0/RCS/RIEMPIT04_COR_GRPP_RCT_150508//”+file_swfBottom1+&#8221;\””+OASfp+”pluginspage=\”http://www.macromedia.com/shockwave\” type=\”application/x-shockwave-flash\” width=”+widthBottom1+” height=”+heightBottom1+” PLAY=true LOOP=true QUALITY=autohigh FlashVars=\”clickTAG=http://oas.rcsadv.it/5c/corriere.it/pp/cronache/1177176878/Bottom1/RCS/RIEMPIT04_COR_GRPP_RCT_150508/banner_180x150.swf.html/35323534363637363436613238316330?kw1=value1&kw2=value2\”>”);
OASd.write(“</embed></object>”);
}

}
loadFlashBottom11();
}

if(!document.body)
document.write(“</body></html>”);
//–>

INVASIONE – Gli opilionidi, vengono spesso scambiati per ragni, sono invece solo loro parenti: assieme agli scorpioni; gli pseudoscorpioni; gli acari e i ragni appartengono alla famiglia degli aracnidi. Sono privi di strutture capaci di emettere fili di seta e non posseggono ghiandole velenifere, quindi non sono potenzialmente pericolosi, spiega Jochen Martens, professore di zoologia all’Università di Mainz. Si spostano in orde di centinaia, a volte migliaia: «Tutto il gruppo comincia poi a muoversi», descrive Martens il loro comportamento in caso di difesa. Sono degli onnivori, ovvero si nutrono di piccoli insetti, ingerendo anche materiale solido e semisolido. La cosa più incredibile, spiegano però gli esperti, è che questa particolare specie non è ancora stata identificata, pur essendo stati effettuati dei test genetici. Anche la causa della loro espansione in questi paesi rimane per il momento un mistero: per gli esperti questi “aliens” potrebbero essere arrivati in Europa via mare, con ogni probabilità su dei container. Infatti, sussiste un rapporto diretto tra l’intensità degli scambi di merci con un continente e il numero delle specie di ragni importate. La maggior parte è originaria dell’Asia, ma anche dal Sudamerica.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...