Abbandono cani

E’ difficile fare una stima sul reale numero dei cani che ogni anno vengono abbandonati in Italia. Certamente segnali preoccupanti ci arrivano da moltissimi canili rifugio, che denunciano un continuo aumento del numero degli animali ospitati nonostante gli intensi programmi di adozione. Altro segnale negativo arriva dalla denuncia di incidenti stradali provocati da animali vaganti sul territorio.

La legge 189 del 2004 che modifica l’art. 727 (Abbandono di animali) del Codice penale stabilisce che “chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro”.

Il D. L.vo 27 gennaio 1992, n.116 detta, fra l’altro, una serie di prescrizioni che escludono l’impiego di animali randagi nella sperimentazione e consentono di controllare e seguire gli animali a tale uso destinati in ogni fase, prevedendo anche, all’art.14, comma 4, le sanzioni in caso di contravvenzione.

Dai dati che annualmente le Regioni inviano al Ministero della Salute risultano 5.350.000 cani di proprietà e 690.000 cani randagi di cui solo un terzo ospitati nei canili rifugio. A tutti sarà capitato di vedere cani sul ciglio della strada che vagano confusi senza meta.
Spesso improvvisamente decidono di attraversare la strada, mettendo a rischio non solo la loro vita, ma anche quella dei guidatori. Ogni anno si registrano centinaia di incidenti stradali causati da animali abbandonati o randagi, che portano ad un pesante bilancio delle persone ferite o che addirittura perdono la vita. Chi abbandona un cane, dunque, non solo commette un reato penale (legge 189/2004), ma potrebbe rendersi responsabile di omicidio colposo.

Qualcuno pensa che abbandonare un animale possa considerarsi quasi un’opportunità che gli si dà quando non si ha più la voglia o la possibilità di occuparsene. Invece, è bene sapere che la maggior parte di questi animali morirà di fame o sotto le ruote di un autoveicolo, comportando come abbiamo già visto un grave rischio per gli automobilisti, oppure una volta catturato andrà ad aumentare l’enorme numero dei cani già presenti nei numerosi canili distribuiti in tutta Italia.

Il randagismo, inoltre, ed in particolare modo quello urbano, con tutte le implicazioni di ordine igienico, sociale e sanitario, porta all’alterazione del pacifico rapporto di convivenza che è sempre esistito tra l’uomo e l’animale.

Proprio nell’ottica della prevenzione di questo triste fenomeno rientra l’istituzione dell’Anagrafe canina nazionale che non solo faciliterà la restituzione al legittimo proprietario degli animali che si sono perduti ma scoraggerà coloro che considerano un animale come un oggetto da poter gettare per strada dimenticando di avere delle precise responsabilità. Infatti, ogni persona può denunciare alle Forze dell’Ordine chi ha abbandonato, chi maltratta o anche chi non registra il proprio animale all’anagrafe canina (legge 189/2004).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...