3 pensieri su “L’incredibile e commovente storia di Christian, il leone affettuoso”

  1. MORE INFO HERE…

    Copyright of this footage is owned by Beckmann Group. The dvd can be purchased at http://www.beckmanndirect.com/Wildlif

    and also at

    http://www.bornfree.org.uk/shop/acata… which will help The Born Free Foundation save more wildlife.

    There’s also more info at Wikipedia:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Christia

    Many thanks to The Sunday Times (27-07-08) & TimesOnline for covering the story and for linking to my video,

    http://www.timesonline.co.uk/tol/news

    and also The Sun (28.07.08)

    http://www.thesun.co.uk/sol/homepage/

    Christian left the Kora Reserve in 1973. He made his new territory along the Tana river, but when the Wakamba herdsmen kept bringing their livestock to his hunting ground, he moved on. George Adamson said in his autobiography, “I used to count the days on which we hadn’t seen Christian, but when they reached 97, I gave up recording them in my diary.” Because a lion can live from 12 to 15 years in the wild, Adamson believed that Christian ended his days in the Meru National Reserve only a few miles up river.

    As for the two guys, the Born Free Foundation tells me that Anthony “Ace” Bourke (referred to as Ace “Berg” on YouTube) lives in Australia as a lecturer and expert in the area of Aboriginal Art, and John Rendall lives in the UK and is a Trustee of the George Adamson Wildlife Preservation Trust.

    Anyone wishing to donate to the George Adamson Wildlife Preservation Trust can do so by contacting one of the following….

    George Adamson Wildlife Preservation Trust
    16a Park View Road
    London
    N3 2JB
    UK
    Tel: +44 (0)20 8343 4246
    Fax: +44 (0)20 8343 4048
    info@georgeadamson.org

    The Tony Fitzjohn/George Adamson
    African Wildlife Preservation Trust
    Georgianna Pennington Regnier
    116 La Patera Drive
    Camarillo
    CA 93010
    USA
    +1 805 987 0997

    Mi piace

  2. Due australiani lo avevano adottato ma poi erano stati costretti a separarsene
    Christian, il leone che fa impazzire la Rete
    Dagli anni ’70 arriva un filmato che mostra l’incontro tra il felino e i suoi ex padroncini, un anno dopo la libertà

    LONDRA – È un filmato che ha più di 35 anni, ma appena è stato postato su YouTube ha velocemente conquistato l’attenzione e i cuori di almeno 6 milioni di utenti. I protagonisti di questo commovente video (guarda) sono due ragazzi australiani, John Rendall e Anthony Bourke, e il loro (ex) cucciolo di leone: dopo aver vissuto diverso tempo insieme a Londra e essersi separati per circa un anno, i tre si ritrovarono nel 1972 in una riserva naturale del Kenya. Come mostra il filmato il leone, ormai divenuto adulto e selvatico, non appena scorge da lontano i due giovani australiani, comincia a correre e mostra tutta la sua gioia e il suo affetto.

    LA STORIA – Tutto era iniziato nel lontano 1969 a Londra quando Rendall e Bourke avevano visto da Harrods chiuso in una gabbia, solo e triste, un cucciolo di leone. Lo acquistarono per pochi spiccioli e decisero di chiamarlo Christian. I due ragazzi ottennero dal parroco della zona in cui vivevano il permesso di far crescere il cucciolo nel campetto situato vicino alla chiesa e lo accudirono per un paio d’anni. Tuttavia ben presto Christian divenne troppo grande e i giovani australiani capirono che non poteva più vivere in quell’angolo di città. Si misero in contatto con George Adamson, un ambientalista che viveva in Kenya e, a malincuore, decisero di portarlo in una riserva naturale nel Paese africano. Qui Christian crebbe velocemente e divenne presto un capobranco.

    UN ANNO DOPO – La nostalgia per Christian era troppo grande e nel 1972, un anno dopo la separazione, Rendall e Bourke partirono per il Kenya per rivedere il loro ex cucciolo: l’ambientalista Adamson fece notare ai due australiani che Christian non era più il piccolo animale di una volta, ma era diventato un feroce e selvatico leone che aveva passato l’ultimo anno completamente libero. Tuttavia Rendall e Bourke non si fecero intimorire dalle parole dell’ambientalista e, una volta entrati nella riserva naturale, si misero alla ricerca di Christian. Come mostra chiaramente il filmato i due australiani non si erano sbagliati: appena li vide il leone, proprio come faceva quando era un cucciolo, mostrò tutta la sua felicità e cominciò a giocare con i due ex padroni.

    Francesco Tortora corsera
    29 luglio 2008

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...