I bananas all’assalto: “Qualcuno faccia tacere Veronica”

Qualcuno la faccia tacere. Anzi, le ricordi il suo passato da “attricetta”. Di più. Si dica chiaro e tondo che la “signora Veronica”, si permette di criticare e poi sta seduta sulla montagna di miliardi del marito”.

La “signora Veronica”, la chiama ora Berlusconi. Inevitabile l’assonanza con “i signori della sinistra”, espressione usata un giorno sì e l’altro pure dal premier. Assonanza che non sfugge ai militanti/elettori del Pdl. Che nel forum del sito – dopo un significativo black out della moderazione durato ben quattro ore – si scatenano.

Per tutto il mattino lo “Spazio azzurro” che di solito viene aggiornato dalle 9.30, tace. Vecchi post su terremoto e piano casa. Sul caso “euroveline” non c’è un buco di nulla. Come se non esistesse. Come se qualcuno si fosse preso una pausa di riflessione. Ma intorno alle 13 arriva il via libera. E la piazza telematica degli azzurri inizia a ribollire di rabbia contro la moglie del Cavaliere.

Si parte a colpi di fioretto: “Le esternazioni della signora Lario lasciano esterrefatti, se voleva ricordarci che esiste l’ha fatto nel modo peggiore”. Si va avanti a sciabolate: “Ha perso una buona occasione per stare zitta. Troppo comodo fare la moglie di Silvio, goderne gli agi e poi attaccarlo”.

I militanti del Pdl, probabilmente soprattutto gli ex di Forza Italia, non hanno troppi peli sulla lingua: “Hai la cabina elettorale per esprimerti, lascia perdere i giornali! Offendendo tuo marito offendi te stessa e tutti quelli che hanno fiducia in lui”. E in qualche caso la mettono direttamente sul piano personale: “Non sei mai stata una grande attrice e hai una vita da favola grazie a tuo marito. Piantala di infangarlo”.

A proposito di attrici, nulla sfugge alla memoria dell’indiavolato berlusconiano: “Ricorda che Silvio ti ha visto al cinema in Attila il flagello di Dio, non alla catena di montaggio come in Ufficiale e Gentiluomo…”. E ancora: “Ma chi era prima Veronica? Certo che sputare nel piatto che ti ha permesso la bella vita…”

Un post dopo l’altro, politica e mozione degli affetti si mescolano: “Non è la prima volta che lei delegittima suo marito, si ricordi che è il padre dei suoi figli”. Fino ad osare uno scivolosissimo paragone con il resto d’Europa: “Le mogli dei premier europei non si sognerebbero mai di ridicolizzare i propri mariti”.

Viene da chiedersi quanti capi di governo europei hanno candidato o fatto ministri starlette e veline tv, ma la domanda resta inevasa davanti a quelli – più di uno – che risolvono la questione “euroveline” nel modo più sbrigativo possibile: “Tutte stupidaggini, ci sono le preferenze e ognuno può votare chi gli pare e piace”.

Isolato, tra i post scandalizzati e livorosi, fa quasi tenerezza il messaggio di una elettrice evidentemente delusa: “Ha ragione Veronica, come può un padre di 4 figli sostenitore degli insegnamenti della Chiesa sulla famiglia comportarsi così con delle ragazzette?”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...