NOI VIGILIAMO: la politica di sinistra del governo bellachioma

Per avere l’assegno sociale ora servono 10 anni di lavoro

Dal prossimo anno per ricevere l’assegno sociale servirà un requisito in più. Non basterà risiedere in Italia, aver compiuto 65 anni ed avere un reddito pari a zero o «di modesto importo». Bisognerà anche aver lavorato «legalmente con un reddito almeno pariall’assegno sociale e in via continuativa per almeno 10 anni sul territorio nazionale». Così prevede il testo dell’articolo 20, comma 10, del Dl 112 nella versione emendata dal Governo e sul quale la Camera ha già votato la fiducia.

La stretta sugli assegni sociali eranata per tamponare il troppo facile riconoscimento del diritto a immigrati comunitari in condizioni di indigenza che entrano in Italia per raggiungere i parenti lavoratori.

Il vincolo posto nel testo originario del decreto restringeva così il via libera all’assegno (395,9 euro al mese nel 2008, pari a 5.142 euro l’anno) solo a chi avesse soggiornato legalmente in Italia per 5 anni.

Poi, nell’esame in Commissione su iniziativa di diversi parlamentari (Matteo Brigandì della Lega, Karl Zeller dell’Svp e Antonio De Poli dell’Udc) il periodo di soggiorno è stato alzato a 10 anni e s’è aggiunto il riferimento all’attività lavorativa. Modifiche che sono state confermate dal Governo. Se la misura non verrà toccata in Senato uno dei tre istituti oggi previsti per fronteggiare le situazioni di povertà estrema (oltre all’assegno socialeci sono anche l’indennità di accompagnamento e l’invalidità civile) sarà drasticamente ridimensionato. Continua a leggere

Teste di cazzo laziali o semplici coglioni? i romani non si smentiscono!

il calciatore francese della roma ha avvisato la polizia. Rinvenuto anche il mezzo

Roma: Mexes picchiato e derubato dell’auto con a bordo la figlia, poi ritrovata

Due malviventi armati lo hanno affrontato fuori da un ristorante fuggendo con la piccola sul seggiolone

ROMA – Terrore nella notte per il difensore francese della Roma Philippe Mexès. Due banditi armati di pistola lo hanno aggredito mentre tornava a casa, all’Axa-Casal Palocco, un quartiere residenziale fra Roma e Ostia, con ville lussuose dove abitano molti calciatori, fra i quali anche il capitano giallorosso Francesco Totti, rapinandogli l’auto sulla quale c’era anche la figlia Eva, di appena due anni. I rapinatori hanno puntato l’arma contro il calciatore, che ha reagito ingaggiando con loro una colluttazione. Sono stati attimi terribili: i banditi hanno avuto la meglio e sono fuggiti con la vettura, un suv Mercedes, portandosi via la piccola seduta sul seggiolone posteriore. Erano le 23.50. Continua a leggere

Le cattive frequentazioni di Marcello

Certo che capitano proprio tutte a lui!!! povero, la solita vittima dei giudici comunisti che si accaniscono contro l’ennesima brava persona di Forza Taglia.

Incontri segreti e voti promessi, il pressing dei clan su Dell’Utri

 È la trama della ‘ndrangheta che vuole liberarsi dalle catene del 41 bis. Una ragnatela che dalla piana di Gioia Tauro si spande a Roma, si infiltra nei ministeri, raggiunge i bracci delle sezioni speciali delle carceri italiane. Promesse di voti, mosse e contromosse per convincere quei deputati o senatori che “possono fare qualcosa”, ricatti, maneggi per ottenere immunità diplomatiche, spiate di magistrati.

Non si fermano davanti a niente e a nessuno i capi della ‘ndrangheta pur di diventare dei detenuti come tutti gli altri. I personaggi di questo intrigo sono i Piromalli e i Molè, forse i “capibastone” più potenti della Calabria. In una retata che da queste parti ha pochi precedenti per “portata” investigativa – è anche la prima grande operazione firmata dal nuovo procurarore di Reggio Giuseppe Pignatone – la squadra mobile e i ros dei carabinieri hanno decimato con 18 fermi i vertici di due cosche che erano state solo sfiorate dalle investigazioni negli anni passati. Le “famiglie” che soffocano il porto di Gioia Tauro, quelle che come dice uno dei boss catturati “hanno insieme cent’anni di storia”. Continua a leggere

NOI VIGILIAMO: il sindacato di destra contro il governo pinocchio

Polizia, la protesta dell’Ugl
«Il 61% degli agenti vive con 1.200 euro»

Il sindacato: «Stipendi inferiori al 50% rispetto ai colleghi francesi». Accuse al governo

ROMA – Le forze di polizia sono costrette a sopravvivere con stipendi da fame. Il 61% dei dipendenti che si occupano della sicurezza dello Stato percepisce meno di 1.200 euro al mese. Il dato emerge dal Rapporto sulle condizioni socio-economiche delle forze di polizia, elaborato dal Coordinamento per le politiche per la sicurezza dell’Ugl. Novemila gli intervistati (il 92% proviene dal centro-sud) tra Polizia di stato, Corpo forestale, Polizia penitenziaria e corpo dei Vigili del fuoco.

DISASTRO ECONOMICO – Gli agenti, come del resto tanti altri lavoratori penalizzati dalla crisi economica in atto, sono costretti a ricorrere in modo eccessivo al credito al consumo. L’81% di loro ha impegnato parte dello stipendio per comprare beni e servizi a rate. «E il 51% è stato costretto ad avviare procedure per il consolidamento del debito», denuncia l’Ugl fotografando nel rapporto il «disastro economico» che vive la sicurezza.

ALLARME – «In questa situazione è in pericolo anche l’integrità morale dei nostri lavoratori, a cui è vietato fare un secondo lavoro», sottolinea Renata Polverini, segretario dell’Ugl. L’82% degli intervistati non è soddisfatto del proprio stipendio «inferiore del 50% rispetto a quello percepito da un agente francese». E i problemi non finiscono qui: gli agenti sono spesso costretti a vivere in caserma o con i colleghi, lontani dalle famiglie. In caso di trasferimenti, infatti, lo stipendio è troppo basso per affittare una casa grande abbastanza per ospitare tutti. Il 64% non è proprietario dell’abitazione in cui vive, il 93% ha acceso un mutuo e per il 91% questo divora oltre la metà dello stipendio.

FAMIGLIE IN CRISI – I problemi economici spaccano le famiglie. L’82% dichiara che il lavoro, con i suoi ritmi e l’impossibilità di condurre una vita sociale, è la causa principale dei problemi di relazione mentre l’81% ammette che, in una situazione diversa, farebbe più figli.

DELUSI DAL GOVERNO – «Abbiamo creduto in un programma elettorale, ma i provvedimenti finora intrapresi dimostrano che gli investimenti in questo campo non sono quelli preventivati, come la mancata defiscalizzazione degli straordinari – attacca Polverini -. E lo Stato propone tagli nel momento sbagliato. La sicurezza è scarsa, soprattutto nelle grandi città e nelle aree del nord del Paese, a causa dei flussi migratori non controllati». Continua a leggere

Azione 100% Animalisti: 3 AGOSTO : PARTECIPA AL PRESIDIO CONTRO IL PALIO DEI CAVALLI!

Domenica 3 agosto 2008 presidio al palio di Feltre.

RITROVO ATTIVISTI alle ore 14.30 in stazione dei treni a Feltre (Belluno) oppure direttamente in prà del Vescovo a Feltre alle 15.00

Per chi volesse unirsi alle sezioni Venete di 100%animalisti, il ritrovo è fissato per le ore 12.25 alla stazione dei treni di Padova, di fronte alle biglietterie.
Due anni fa la palio di Feltre morirono due cavalli, Metz e Ghisellin, furono abbattuti dopo che si erano spezzati le zampe! Un motivo in più per partecipare ed urlare il tuo disenso!
PARTECIPATE E SIATE PUNTUALI!
NON PORTARE ANIMALI AL SEGUITO


100%animalisti
centopercentoanimalisti.com 347 888 95 22
UNICA CULTURA : AZIONE- ATTIVISMO-LIBERAZIONE ANIMALE