Renzi e il risultato referendario

 

Le consultazioni elettorali referendarie sono da sempre, per i proponenti, difficoltose strade in salita. La necessità di superare la soglia del 50% degli aventi diritto al voto si è sempre rivelata un macigno difficilmente sormontabile. Anche quando le competizioni elettorali sono accese la partecipazione al voto non è mai altissima.

Il referendum che si è consumato domenica era partito sommessamente e quasi nell’indifferenza dell’opinione pubblica. Si trattava di un aspetto molto controverso e di una questione giuridicamente intricata. Difficile schierarsi per il si o per il no.

Ad alzare il tono è stato proprio il Presidente del Consiglio con il suo reiterato invito a disertare le urne e a trasformare l’appuntamento referendario in una occasione per la sua legittimazione.

Continua a leggere Renzi e il risultato referendario

#Casaleggio

Fu lui, Casaleggio, a volere il Comunicato Politico n° 53 che fece fuori le teste pensanti del MoVimento 5 Stelle a favore di mediocri, trombati e riempilista, al fine di poterli controllare a piacimento e mettere in atto la sua visione sociopolitica descritta nel video “Gaia”.

Aveva anche messo in conto le fuoriuscite dei più svegli, i cosiddetti dissidenti; era tutto calcolato già fin dall’espulsione di Giovanni Favia, la cui unica colpa era quella di essere capace ed autorevole e per questo intralciava il suo progetto volto a controllare ampie schiere di esecutori di ordini, così come poi è avvenuto.

Tutto vero, era il burattinaio dell’organizzazione, l’unico che riusciva a tenere a bada il bipolare Grillo e la sua megalomania impulsiva. Il figlio Davide (che commenta con lo pseudonimo Max Stirner sul blog) è capace ma non è alla sua altezza. Presto la Casaleggio e associati verrà ridimensionata.

Fu Gianroberto ad elevarmi a minipost sul blog di Grillo ben due miei articoli (di questo sito) che postai a mò di commento, quando nel movimento 5 stelle ero considerato uno dei più in vista e per questo odiato da orde di nullità, ivi compresi diversi di quelli che poi sono stati miracolati in parlamento.

A Gianroberto riportavamo spontaneamente nelle azioni di controllo di gruppi di infiltrati di professionisti della politica provenienti da tutti gli schieramenti. Il controllo avveniva con azioni di vero e proprio “controspionaggio” sui social network per tramite una rigida organizzazione con i gruppi segreti di facebook.

Alla fine però non si fece scrupolo di tagliare senza nessuna riconoscenza i piu capaci e meritevoli sia nelle attività ufficiali che quelle “ufficiose”. Rimanevamo comunque pericolosi ed incontrollabili e più che altro non ci facevamo troppo condizionare o ammaliare con un tozzo di pane o una battuta di Grillo.

Esercitava un controllo totale su tutto, era lucido e calcolatore e non intervenne mai nelle decine e decine di abusi delle regole scritte e non, che erano la pietra angolare del movimento. Sapeva che se fosse intervenuto avrebbe messo a rischio da subito la credibilità della sua nascente creatura ed il risultato del febbraio 2013 non sarebbe stato lo stesso.

Sbagliò da subito a scommettere sul fallimento del Paese quando molti di noi lo avvertirono sul “rischio” avvento Matteo Renzi, cosa che poi puntualmente avvenne. Era si un visionario ma la pura intuizione politica a breve gli era parecchio fallace.

È stato grazie a lui dunque se non ho avuto la chance di entrare in parlamento, cosa che mi sarebbe spettata a conti fatti, ben più dei trombati e riempilista che poi hanno occupato gli scranni di Roma. Stessa mia sorte è toccata a perlomeno altri cinquanta di quelli che eravamo considerati, a torto o a ragione, gli opinion leader (influencer) del Movimento 5 Stelle, ma che probabilmente, una volta scoperti i veri intenti di Grillo Casaleggio, saremmo poi divenuti i primi dissidenti e fuoriusciti.

Ciò nonostante, i miei sei anni grillini, sono stati un’esperienza interessante, anche se poco esaltante vista la mediocrità che era palese ovunque e della quale avevo spesso fatto denuncia anche qui sul mio blog.

Nonostante la cocente delusione (che dura purtroppo ancora oggi) di non aver potuto, per sua causa, adire il livello più alto delle istituzioni italiane e tentare di dare il mio contributo al cambiamento, oggi che Casaleggio non c’è più, provo vera tristezza per la sua scomparsa davvero prematura. Sono sicuro che avrebbe potuto dare ancora un forte contributo innovatore alla poitica italiana.

Ciao GianRoberto, nonostante tutto, mi mancherai.

 

Pasquale Caterisano

 

P.S.= Casaleggio non era un massone, anche se aveva una enorme cultura esoterica, cosi come anche Beppe Grillo.

DIFFERENZA TRA PREVENTIVO DI UN AGENTE LOCALE E QUELLO DI UN ASSICURATORE ONLINE

Con così tante opzioni e promesse è difficile prendere una decisione chiara su quale compagnia di assicurazione scegliere e di chi fidarsi. Che cosa facciamo quando abbiamo bisogno di confrontare le opzioni? andare online! ecco come sei finito qui dopo tutto. Una delle domande che un sacco di gente non si chiede è se sta veramente ottenendo la migliore offerta di  on-line o, dovrebbe seguire il vecchio stile e parlare con un agente locale in un’agenzia fisica?
Le quotazioni on-line sono il modo più accessibile per verificare. Non è necessario andare fisicamente da qualche parte; lo si fa nel proprio tempo libero, lo si può fare mentre si mangia, si fanno le pulizie o durante la vostra routine quotidiana.
Le quotazioni on-line sono migliorate nel corso degli anni, rendendo i preventivi di assicurazione più adeguati per meglio adattarsi alle vostre esigenze.
Sottoscrivere assicurazioni online oggi giorno è un modo estremamente conveniente per assicurarsi.
In un certo qual modo, i preventivi di assicurazione sono utili e accessibili. Si ottiene quello che serve senza alcuna fatica e talvolta con ottimi prezzi. Purtroppo, a meno che non si è un individuo con esperienza nel settore assicurativo,  è impossibile sapere se si sta ottenendo esattamente ciò di cui si ha bisogno.

Continua a leggere DIFFERENZA TRA PREVENTIVO DI UN AGENTE LOCALE E QUELLO DI UN ASSICURATORE ONLINE

Primo corso in Italia sul social media marketing assicurativo

Il Broker

Si svolgerà a Torino il 26 di aprile 2016, la quarta edizione del primo corso di formazione italiano sul social media marketing assicurativo.

A mettere in campo questa attività formativa sono stati Andrea Albanese, uno dei più quotati advisor di social media marketing in Italia e Pasquale Caterisano assicuratore e web marketer.

Abbiamo ricevuto diverse richieste in tal senso nell’ultimo anno e ci siamo sorpresi nel verificare come non vi fosse in Italia un corso di formazione specifico che spiegasse agli agenti ed operatori del settore, come sfruttare i social network per generare business assicurativo.” hanno dichiarato i due organizzatori.

Il corso farà conoscere ai partecipanti come attuare operazioni di marketing sui social media per vendere le polizze anche tramite il canale web, di solito riservato ai soli operatori online come compagnie dirette e comparatori.
Ecco i dettagli:  http://smmdayit.it/assicurazioni-e-social-media-marketing/
Inoltre la frequenza al corso certificherà 8 ore di aggiornamento professionale ai fini IVASS.

La redazione

View original post

Leads generation: “facebook lead ads”, più ombre che luci

cegluwvweaax94c

Ho testato per una settimana una nuova ed a prima vista esaltante funzione del gestore inserzioni del social network di Zuckerberg, il generatore di moduli interno a Facebook.

Ho creato e poi usato questi moduli per cercare di ottenere richieste qualificate di contatti. A prima vista sembra l’uovo di Colombo perché non c’è bisogno di landing page esterne con moduli, anzi lo stesso form interno, risucchia automaticamente i dati precompilati dal profilo di facebook della persona che ci clicca su. In teoria una funzione davvero esaltante.

Peccato che a me questo primo test non ha funzionato.

Solo sei i moduli riempiti in sette giorni; con gli stessi click di inserzioni molto simili ma con landing page esterne, rendono fino a 5 volte tanto = prima esperienza quasi fallimentare.

Non ho capito dove e se ho sbagliato qualcosa. Di certo la funzione da l’idea di essere ancora in una versione beta. Proverò a ottimizzare il tutto, per il momento per le robe importanti continuo ad utilizzare i moduli di Google come landing page esterne.

TO BE CONTINUED…

Gli assicuratori ed il tifo scomposto contro il progresso tecnologico

455158

Alquanto triste il tifo sui social network di molti “assicuratori”, alla notizia della chiusura (a loro insaputa temporanea), del comparatore di polizze auto di Google in Usa e UK,  unitamente al giubilo per l’incidente della stessa google car in guida autonoma contro un autobus.

Stesso retropensiero, conservatore di privilegi e status quò, di alcuni famosi personaggi del passato, che a loro tempo battezzarono come inutili e passeggere, invenzioni quali l’automobile, il computer e internet: dei “fenomeni” a tutti gli effetti.

Altresì in questi giorni mi è toccato ascoltare da “direttori qualcosa” di alcune compagnie assicurative, che “i social network non servono per vendere le polizze”.

Un paese allo sbando si vede anche da certe attestazioni, ognuna nella propria categoria di appartenenza e tutte insieme nella nemesi di conservazione medievale di prebende ad ogni livello che sta definitivamente strozzando questo paese.

Tutti colpevoli, nessuno escluso. Vittime di noi stessi. Meritiamo l’estinzione.

 

Vacanza con bambini a Capo Rizzuto (Calabria)

Capo Rizzuto è uno dei posti migliori in Italia per passare una bella vacanza con i propri bimbi, per via della conformazione e dell’accesso molto semplice alle sue spiagge di sabbia fine e al mare col fondale basso.


CAPO RIZZUTO TORRE VECCHIA BEACH:)

Capo Rizzuto, Calabria, Italia

Appartamento 60 mq. di recente costruzione, ben arredato e corredato, a 50 metri dal mare. Aria condizionata, Tv, lavatrice, cucina completa, terrazzo, quattro posti letto di cui due sul divano let…

Appartamenti in affitto per brevi periodi a Capo Rizzuto

Dico la mia spesso e volentieri

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 8.598 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: